“I Racconti che vedete qui riuniti sono fratelli carnali delle Novelle vecchie e nuove che mandai per il mondo, anni fa. Anche tra questi ve n’ha di vecchi e di nuovi: c’è il primo che scrissi, I Complimenti di Ceppo, e l’ultimo, che fantasticai su’ due piedi, dinanzi alla porta della mia casa in una delle ultime notti stellate.”

Francesco Dall’Ongaro

Dall’incipit del libro:

Gli uomini più saputi e più accorti del nostro tempo, udendo parlare di leggende, di tradizioni, d’apparizioni, si contentano di sorridere, e danno dei semplici, per non dir altro, ai nostri nonni che vi prestavano tanta fede. I filosofi, gli storici, i poeti fecero fino a’ nostri giorni altrettanto, o al più al più, questi ultimi ne traggono qualche visione o qualche ballata per loro divertimento, quando hanno vuotato il sacco delle loro liriche appassionate o disperate, e delle lor querimonie contro il secolo positivo. La gente semplice, grossa, ignorante, benchè per un certo pudore sorrida anch’essa della propria credulità, pur si compiace ancor troppo di tali racconti, per credere che ne rida di buona fede.
Non so in quale di queste classi vorranno mettermi i miei lettori, nè in quale dovrò metter loro. Per ciò che mi concerne, dirò candidamente che non ebbi mai paura di streghe nè di folletti: aggiungerò che i miei sonni infantili non furono mai nè dall’aia, e molto meno dalla madre blanditi con queste favole. E pure, essendomi trovato sovente in luoghi e fra persone assai diverse, avendo l’abitudine di studiare i vari caratteri della gente che mi circonda, non ho saputo astenermi dall’esaminare questi fatti dello spirito umano. Dico fatti, perchè ogni opinione, ogni superstizione, ogni credenza, per falsa che sia, è un fatto, in quanto esiste nella mente del vulgo.

Scarica gratis: Racconti di Francesco Dall’Ongaro.