30 anni fa, nel marzo 1987, Richard Stallman pubblicò il Manifesto GNU sul Dr. Dobb’s Journal of Software Tools.

GNU (acronimo ricorsivi di GNU’s Not Unix) è un sistema operativo che include un kernel e numerosi programmi di utilità.

stallman20041008

St. Ignucius, aka RMS

Nel manifesto RMS ha formalizzato le motivazioni che l’hanno portato ad intraprendere il progetto GNU:

Io credo che il punto fondamentale sia che, se a me piace un programma, io debba condividerlo con altre persone a cui piace. I venditori di software usano il criterio “divide et impera” con gli utenti, facendo sì che non condividano il software con altri. Io mi rifiuto di spezzare così la solidarietà con gli altri utenti. La mia coscienza non mi consente di firmare un accordo per non rivelare informazioni o per una licenza d’uso del software. Ho lavorato per anni presso il laboratorio di intelligenza artificiale per resistere a queste tendenze e ad altri atteggiamenti sgradevoli, ma col tempo queste sono andate troppo oltre: non potevo rimanere in una istituzione dove ciò viene fatto a mio nome contro la mia volontà.

Per poter continuare ad usare i computer senza disonore, ho deciso di raccogliere un corpus di software libero in modo da andare avanti senza l’uso di alcun software che non sia libero. Mi sono dimesso dal laboratorio di Intelligenza Artificiale per togliere al MIT ogni scusa legale che mi impedisca di distribuire GNU.

Molte soluzioni tecniche confluite nel progetto GNU sono in uso ancora oggi, sotto varie forme. La sua importanza tecnica tuttavia è nulla di fronte alla sua enorme importanza morale: ancora oggi GNU è un simbolo di libertà senza compromessi.

FacebookTwitterGoogle+Share

Vai all’articolo originale.