Le 150 tavole di cui si compone questo Atlante contengono la riproduzione di fotografie della Luna, del Sole, dei pianeti, di comete e meteoriti, di regioni della Via Lattea, di ammassi stellari, di nebulose galattiche ed extra-galattiche, oltre a quelle di alcuni osservatori e telescopi.
Le fotografie si riferiscono quindi a corpi celesti e regioni del cielo molto diverse per natura, per importanza, per ubicazione, per grandezza.

Dall’incipit del libro:

La maggior parte degli uomini trascorrono tutta la loro esistenza senza rivolgere un solo momento il pensiero al grande mistero dell’Universo. Essi forse non sanno neppure che la Terra su cui abitano è un astro del cielo e che, di conseguenza, l’uomo nasce, vive e muore nel cielo. Non hanno tempo di pensare a queste cose. Occupati e preoccupati gli uni dalle piccole miserie morali e materiali di cui è fatta la vita, presi gli altri dall’avidità del guadagno che è lo scopo loro primo ed ultimo, giungono tutti al termine dei loro giorni senza essersi mai domandati che cosa sia questo Sole, sorgente inesauribile di luce e di calore, fonte di vita e di gioia, il quale dissipa le tenebre della notte ed illumina il mondo: che cosa sia quella Luna, dal chiarore dolce e calmo, la quale distende la sua bianca luce sul sonno notturno della Natura: che cosa siano quelle stelle che splendono sul fondo nero della sfera celeste come piccoli fuochi sperduti: che cosa siamo noi, minuscole creature destinate a vivere poche diecine di anni, di fronte all’Universo i cui anni si contano a milioni di secoli.
Purtroppo, questo è l’indifferentismo della più gran parte degli uomini verso l’Astronomia, scienza sublime, atta a suscitare i più elevati sentimenti, a generare i più profondi pensieri, che Laplace definì essere il più bel monumento elevato dalla mente umana.

Scarica gratis: Il cielo e le sue meraviglie di Pio Emanuelli.